Archivi categoria: Stagione 2015

Cécile McLorin Salvant, Grammy 2016, con il suo Quartetto il 17 marzo al Forma

Cécile McLorin Salvant, talento prodigioso, nata a Miami da madre francese e padre haitiano, è la vera rivelazione del jazz vocale declinato al femminile delle ultime stagioni. Cécile è riuscita a crearsi, in poco tempo, una sua identità pur non dimenticando la lezione delle maestre di canto entrate nella storia del jazz. Lei può evocare in alcune note burrose il portamento dolente e lussurioso di Sarah Vaughan, lo stile irruente e ironico di Betty Carter e il senso assoluto del timing di Ella Fitzgerald. E affiora spesso anche l’emozione nello scoprire qua e là sparse nel disco le sofferenze e i drammi che rimandano alle storie e al vissuto di Billie Holiday. Non è un caso che nelle sue performance live una delle punte più alte sia rappresentata proprio dalla ripresa di un classico del repertorio di Lady Day,He’s Funny that Way.  Dal suo trionfo del 2010 al Thelonious Monk International Jazz Competition la sua ascesa è stata costante. Il cd WomanChild ha continuato a ricevere importanti riconoscimenti fra cui la nomination al Grammy e quella di album jazz dell’anno da parte del sondaggio della critica internazionale della prestigiosa rivista DownBeat. Pochi mesi dopo anche la Jazz Journalists Association ha indicato Cecile come Artista Jazz dell’Anno e Miglior Cantante Jazz Donna.E’ fresca vincitrice del Grammy Award 2016 come miglior cantante jazz.

Settore “A” euro 33,00 compresa prevendita
Settore “B” euro 28,00 compresa prevendita.
Settore “C” euro 23,00 compresa prevendita.

Info: www.nelgiocodeljazz.it – info@nelgiocodeljazz.it – Tel. 3389031130 – 3387084423 / Prev. CENTRO MUSICA: Corso Vittorio Emanuel, 165 – BARI Tel. 0805211777

LOCANDINA 17_03 ok (1)

Daylight, il nuovo album di Gaetano Partipilo, il 10 marzo al Forma di Bari

Daylight, il nuovo album di Gaetano Partipilo sarà presentato a Bari con un concerto che si terrà il 10 marzo al Teatro Foma di Bari nell’ambito della settima stagione dell’Associazione Nel Gioco del Jazz
Il disco, realizzato con la formazione Contemporary Five, è il primo album del sassofonista barese pubblicato dalla Tǔk Music di Paolo Fresu.
Tra umori newyorchesi e modalità compositive che rimandano al rock inglese contemporaneo, le nuove composizioni di Partipilo (oltre ad una versione del brano I Will dei Radiohead) si muovono sulla linea di confine tra groove e melodia.
Ogni brano è un sapiente gioco di incastri mai uguale, dove elementi si sommano, sottraggono e si intrecciano per creare una forma musicale in perenne movimento.
Per il concerto del 10 marzo Gaetano riunisce una band di veri e propri astri nascenti del jazz “made in Italy”:
Francesco Diodati, romano, è uno dei chitarristi più talentuosi della scena italiana. Già leader dei Neko e dei Yellow Squids, nonchè chitarrista dell’ultimo quartetto di Enrico Rava, è assolutamente uno dei volti nuovi del jazz italiano.
Alessandro Lanzoni, fiorentino, poco più che ventenne, è un pianista prodigioso. Già finalista dell’importantissimo concorso internazionale “Martial Solal”, ha inciso diversi album a suo nome ed ha già accompagnato alcuni tra i più grandi musicisti del jazz internazionale. Ha vinto il top jazz 2014 come miglior nuovo talento. Attualmente incide per la CAM records.
Matteo Bortone, salentino, anche lui giovanissimo, è uno dei bassisti più richiesti in Italia. Fresco vincitore del Top Jazz 2015 come artista emergente.
Dario Congedo, salentino ma residente a Londra, è un batterista tra i più promettenti della scena jazz italiana.
Un concerto da non perdere per il jazz che si trasforma e guarda avanti.

info:TEATRO FORMA – Via Fanelli, 206/1 – Bari

www.nelgiocodeljazz.it
info@nelgiocodeljazz.it
tel. 338.9031130 – 339.7084423

Prevendite:
Centro Musica
C.so Vitt. Emanuele, 165 – Bari – tel. 080.521777

Partipilo2

Bruno Canino e Francesco Mariozzi, un attesissimo concerto classico il 19 febbraio al Forma

Saranno il celebre pianista napoletano Bruno Canino, ed il violoncellista Francesco Mariozzi, i protagonisti del prossimo appuntamento classico dell’Associazione “Nel Gioco del Jazz”.

Il duo proporrà al pubblico alcune delle pagine più intense e virtuosistiche del repertorio: la sonata BW 1028 di Bach, Elegia di Fauré, la sonata op. 69 di Beethoven,  e la sonata in mi minore di Brahms.

Bruno Canino, ha suonato nelle principali sale da concerto e festival europei, in America, Australia, Russia, Giappone e Cina. Suona in duo pianistico con Antonio Ballista e collabora con illustri strumentisti quali Accardo, Ughi,Amoyal, Perlman, Blacher. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Muti, Chailly, Sawallisch, Berio, Boulez, con orchestre quali la Filarmonica della Scala, Santa Cecilia, Berliner Philharmoniker, New York Philharmonic, PhiladelphiaOrchestra, Orchestre National de France.

Francesco Mariozzi, ha studiato alla Hochschule fur Musik di Wuerzburg conseguendo la Meisterklassendiplom con il Maestro J. Metzger; si è perfezionato con artisti prestigiosi come Maisky, Gutman, Geringas, Perènyi, Menieur, Palm, nonché presso importanti accademie quali “Stauffer” di Cremona, Unversità di Mainz, l’Accademia Chigiana di Siena, Hochschule di Vienna.

Tiene regolarmente concerti in tutto il mondo.

Appuntamento venerdì 19 febbraio al teatro Forma di Bari, ore 21. Info tel 3389031130.

Prezzi biglietti: Euro 20,00 intero, Euro 15,00 ridotto, Euro 10,00 ridotto studenti e over 65

Biglietti in vendita presso: Centro Musica – Corso Vitt. Emanuele 165 Bari – tel. 0805211777 oppure Associazione Nel Gioco del Jazz – tel, 3389031130 – oppure circuito on-line www.liveticket.it 

Ottovolante con Roberto Ottaviano il 18 febbraio al Forma di Bari

Fine anni ’50, il Jazz entra in una zona crepuscolare, i contorni stilistici così certi fino a quel momento cominciano ad essere meno definiti, ed in più la convivenza di grandi eminenze come quella del “Duca” con la sua musica totale ante-litteram, dei suoi illustri seguaci come Charles Mingus, e di nuovi “profeti” come Ornette e Dolphy, risveglia una attenzione più sanguigna e con la voglia di rendere ancora una volta questa musica meno entertainment e più luogo in cui l’improvvisazione, il groove afroamericano e la protesta intellettuale si danno appuntamento per scuotere una società vittima dei ben confezionati prodotti dell’industria culturale.

Si riconosce in pieno in questo identikit, il quintetto nuovo di zecca, guidato dal saxofonista Roberto Ottaviano, affiancato da due grandi talenti che spesso con lui collaborano formando un team ritmico ricercato per energia e creatività, Giorgio Vendola al contrabbasso ed Enzo Lanzo alla batteria, insieme a Pasquale Mirra, considerato uno dei vibrafonisti più interessanti della scena nazionale ed internazionale e che vanta collaborazioni con Michel Portal, Fred Frith, Nicole Mitchell, Lansinè Kouyatè, Aziz Sahmaoui, Tristan Honinger, Ernst Rijseger, Rob Mazurek, Ballakè Sissoko, Buch Morris, Jeff Parker, Micheal Blake, Fabrizio Puglisi, Paolo Angeli, Gianluca Petrella, Domenico Caliri.
A condividere la front – line fiatistica con il leader, un ospite di eccezione, il trombettista tedesco e naturalizzato americano Thomas Heberer, raffinato solista così come colonna della ICP Orchestra, della Berlin Jazz Contemporary Orchestra, e sideman in progetti di musicisti come Muhal Richard Abrams, Peter Brötzmann, Han Bennink, Eugene Chadbourne, Dave Douglas, Joe Fonda, Barry Guy, Guus Janssen, Maria João, Misha Mengelberg, Butch Morris, Bob Moses, Alphonse Mouzon, David Murray, Sunny Murray, Michael Riessler, Alexander von Schlippenbach, Andreas Schmidt, Frank Schulte, Elliott Sharp, Norbert Stein, Steve Swell, Aki Takase, Attila Zoller, John Zorn.

La formazione: Roberto Ottaviano Soprano Sax, Thomas Heberer  Tromba, Pasquale Mirra Vibrafono, Giorgio Vendola Contrabbasso,Enzo Lanzo Batteria.

Biglietti in vendita presso: Centro Musica – Corso Vitt. Emanuele 165 Bari – tel. 0805211777 oppure Associazione Nel Gioco del Jazz – tel, 3389031130 – oppure circuito on-line www.liveticket.it

Rebel Flames il 1 febbraio al Forma

PINO MINAFRA CANTO GENERAL Presenta “REBEL FLAMES” Ogun Records

Pino Minafra: trumpet, flugelhorn, Sandro Satta: alto sax,Roberto Ottaviano: soprano and alto sax, Livio Minafra: piano,Pasquale Gadaleta: double bass, Vincenzo Mazzone: drums

Il gruppo nasce per dare memoria al grande “Suono Africano” con composizioni di musicisti scappati dal Sud Africa in Inghilterra negli anni 70 durante l’apartheid e la prigionia di NELSON MANDELA come: DUDU PUKWANA, MONGESI FEZA, JOHNNY DYANI, HARRY MILLER, LOUIS MOHOLO. Le composizioni, contenute nel recentissimo “ REBEL FLAMES” CD registrato per la prestigiosa etichetta inglese OGUN, ripropongono i contenuti di amore, bellezza, gioia e rabbia che questa musica ancora viva e drammaticamente attuale nel suo grido universale ancora contiene.

Inizio concerto ore 21.

Biglietti in vendita presso: Centro Musica – Corso Vitt. Emanuele 165 Bari – tel. 0805211777 oppure Associazione Nel Gioco del Jazz – tel, 3389031130 – oppure circuito on-line www.liveticket.it 

 

 

LOCANDINA 01_02 ok - Copia

Zenophilia il 21 gennaio 2016 al Forma

Una formazione non convenzionale ridotta all’osso, dal suono tagliente come una lama di coltello ed essenziale come un aforisma Zen: Zenophilia è il nuovo progetto del batterista Zeno De Rossi in trio con Piero Bittolo Bon alle ance e il giovane trombonista Filippo Vignato. Echi di ritmi second-line, suggestioni r n’b in stile Stax, marce sghembe e improvvisazioni oblique disegnano il suono del trio, una band adatta a qualsiasi situazione che predilige suonare in acustico a stretto contatto con il pubblico. “Immaginate Rahsaan Roland Kirk che si unisce alla banda di John Philip Sousa completamente ubriaca durante la sfilata del Mardi Gras a New Orleans.

Biglietti in vendita presso Centro Musica C.so Vitt. Emanuele 165 Bari tel. 0805211777 ed Associazione Nel Gioco del Jazz tel. 3389031130 e sul circuito on-line www.liveticket.it. Costi posto unico 15,00 euro, ridotto e.showcard euro 13,00

Locandina 21 gennaio 2016

“Round Christmas”, Rossana Casale Quartet il 21 dicembre al Forma

Rossana Casale voce, Emiliano Begni pianoforte, Ermanno Dodaro contrabbasso, Francesco Consaga sax soprano, al pianoforte Mario Rosini.

Risale al 2009 il cd ‘Merry Christmas in Jazz’ che Rossana Casale presentava al suo pubblico e che per ben tre anni nel mese di dicembre portava in tour accompagnata dal suo quartetto jazz (Luigi Bonafede, Aldo Mella, Francesco Sotgiu e Roberto Regis). Nell’album Rossana raccoglieva i brani che il jazz ha regalato al Natale e li reinterpretava lasciando largo spazio all’improvvisazione sua e dei suoi musicisti. Un concerto di musica, emozioni ed energia che ha ottenuto un grande successo ma con il limite di testi da interpretare scritti in epoche dove il pensiero voleva essere semplice, leggero e al massimo malinconico perché figli del dopo guerra e della voglia di rinascita.
A distanza di sei anni Rossana propone un altro modo di parlare del Natale e lo fa sulla coda del tour ‘Il Signor G e l’amore’ e con il forte desiderio di far sì che siano ancora le parole a condurre il racconto, come ha fatto Gaber per lei.
“E’ sicuramente un Natale dove non possiamo girare la testa dall’altra parte, dove dobbiamo essere presenti e seri nel vivere. Questo non vuole dire essere tristi ma anzi, come ci insegna il blues, vuole dire guardare in faccia il dolore per essere uomini coscienti che vogliono creare un nuovo futuro. E’ un Natale dove c’è il bene ma c’è anche il male e e bisogna usare tatto e intelligenza per dirlo. Dove, al di là delle vetrine illuminate, ci sono tante storie da raccontare, quelle vere e quelle immaginate, quelle col sorriso e quelle a denti stretti. Per questo ho scelto brani scritti da cantautori del mondo : Maria Bethania, Tom Waits, George Brassens, Gilberto Gil, Edith Piaf, Henry Salvador e come nelconcerto dedicato al Signor G, completo la scaletta con la poesia di Fernando Pessoa (Poema do Menino Jesus), di Gianni Rodari (Un abete speciale) e con un passo tratto dal bellissimo libro di Erri De Luca ‘Nel nome della madre’, dove Maria dopo aver partorito, sola con il suo piccolo, implora Dio di lasciare il suo Jeshus a un futuro più normale. Finiamo il concerto con il gioco che la musica ci aiuta a regalare al pubblico (perché infondo vogliamo anche essere tutti bambini a Natale), con un brano che cantava Luis Armstrong: ‘Zat you Santa Claus ?’ “Il trio è quello che Rossana chiama “..la mia casa”, grandi musicisti straordinari ed eclettici che la accompagnano ormai da quasi dieci anni, dai tempi del Circo Immaginario. Anche il Jazz c’è, come sempre vuole la Casale: ” Il jazz è il mio
veicolo per esplorare la parte più buia e profonda dell’essere, che sia anche baratro ma verità dell’anima”.

LOCANDINA 21_12 ok

Sarah Jane Morris Quintet il 15 dicembre al Forma di Bari

Sarah-Jane Morris con la sua inconfondibile voce, calda e passionale, nella sua carriera artistica ha spaziato dal pop al blues approdando al jazz. Negli anni ha collaborato con note band musicali londinesi, memorabili le sue personalissime interpretazioni di Into the Garden, singolo del debutto degli Eurythmics, Don’t leave this way in duetto con Jimmy Sommerville, e Me and Mrs Jones.

In Italia è spesso ospite di prestigiosi Festival e Jazz club.

A Bari è in formazione di quintetto con  Tony Remy e Tim Cansfield alle chitarre, Henry Thomas al basso e  Martyn Barker alla tromba.

Settore “A” euro 33,00 compresa prevendita   Settore “B” euro 28,00 compresa prevendita. Settore “C” euro 23,00 compresa prevendita. Info: www.nelgiocodeljazz.it – info@nelgiocodeljazz.it – Tel. 3389031130 – 3387084423 / Prev. CENTRO MUSICA: Corso Vittorio Emanuel, 165 – BARI Tel. 0805211777

Locandina Morris